Veleposlaništvo RS Rim /Novice /
14.03.2020  

Prvi humanitarni konvoj potnikov in tovornih vozil preko Slovenije/la Slovenia è riuscita a giungere ad un accordo con altri Paesi sul comune progetto di collaborazione per garantire il passaggio controllato del primo convoglio umanitario

Sloveniji je z diplomatsko akcijo uspelo pridobiti soglasja držav za skupen projekt sodelovanja, da bi zagotovili nadzorovan prehod prvega humanitarnega konvoja potnikov in tudi konvojev tovornih vozil, ki so zaradi zaradi ukrepov za zajezitev širjenja koronavirusa obtičali na ozemlju Slovenije in pred mejo z Italijo.

Pred nekaj trenutki je preko Slovenije proti meji s Hrvaško krenil konvoj tovrnjakov in avtobusov, ki ga spremljajo predstavniki slovenske policije in Darsa. Avtobusi s tujimi državljani in konvoj tovrnjakov je namenjen v matične države potnikov in tovornih vozil. Prehod preko omenjenih držav bo potekal nadzorovano, brez postankov v državah tranzita.

Slovenija je o humanitarnem konvoju in političnem soglasju Srbije, Romunije, Ukrajine in Bolgarije ter Turčije že formalno seznanila sosednjo Hrvaško, ki je potrdila soglasje za prihod prvega konvoja. Predstavniki Civilne zaščite Slovenije in Darsa so potnikom, ki so obtičali v Sloveniji zaradi omejitvenih ukrepov v sosednjih državah, nudili tako hrano kot pijačo.

 

*  * *


Grazie ad un’azione diplomatica, la Slovenia è riuscita a giungere ad un accordo con altri Paesi sul comune progetto di collaborazione per garantire il passaggio controllato del primo convoglio umanitario di passeggeri nonché dei convogli di TIR che erano rimasti bloccati sul territorio della Repubblica di Slovenia e prima del confine italo-sloveno a causa delle misure adottate per il contenimento del contagio con il Covid-19.

Alcuni istanti fa è partito attraverso la Slovenia in direzione Croazia un convoglio di TIR e di autobus scortato dalla Polizia slovena e dal personale della Dars, Società per le Autostrade slovene. Gli autobus con a bordo cittadini stranieri e il convoglio di TIR sono diretti nei loro paesi d’origine. Il transito per altri paesi sarà controllato, senza soste nei paesi di transito.  


La Slovenia ha già formalmente informato sia del convoglio umanitario sia  dell’accordo politico raggiunto con la Serbia, la Romania, l’Ucraina, la Bulgaria e la Turchia la vicina Croazia, la quale ha dato il proprio consenso all’arrivo del primo convoglio. I rappresentanti della Protezione Civile della Repubblica di Slovenia e della Dars, Società per le Autostrade slovene, hanno fornito assistenza distribuendo cibo e bevande ai viaggiatori bloccati in Slovenia a causa delle misure restrittive dei paesi limitrofi.